Keyline: “apri il tuo futuro!”

“Non porre mai limiti all’immaginazione e ricordati che la perseveranza e la volontà di riuscire trasformano qualsiasi sogno in realtà.”

Quando si pensa a un’azienda storica nel settore del “key business”, non si può non nominare Keyline, un’evoluzione iniziata col duro lavoro del mastro di chiavi Matteo Bianchi iniziata nel 1770 e tramandata di padre in figlio fino a oggi.
In data 11 gennaio 2019, il corso CIOFS/FP in “Esperto nelle Relazioni Commerciali con l’Estero” ha organizzato una visita aziendale presso la Keyline con sede a Scomigo. In primo luogo, abbiamo visitato il Museo della Chiave Bianchi 1770 che custodisce una ricca collezione di chiavi provenienti da ogni parte del mondo, risalente dall’epoca dell’antica Roma fino ai giorni nostri, che sarà destinata col tempo ad arricchirsi ulteriormente.
Dopo aver visitato lo splendido museo, valore aggiunto dell’azienda, ci siamo recati nell’area di produzione, dove abbiamo assistito alle varie fasi di lavorazione delle chiavi e delle macchine duplicatrici. Ad accoglierci, una volta terminata la visita in produzione, è stato il Product Manager Gianpaolo Peruch che ci ha raccontato l’evoluzione di quest’azienda storica. Un elemento da enfatizzare è senz’altro il fatto che la Keyline investe ben il 10% del proprio fatturato in ricerca e sviluppo. Nonostante la recente crisi economica e la conseguente tendenza di molte aziende a dislocare la propria produzione all’estero, la Keyline ha deciso di continuare a produrre rigorosamente in Italia, ed è per questo motivo che ogni singolo prodotto riporta la scritta “Proudly Made in Italy”.
L’attuale Amministratore Delegato è Mariacristina Gribaudi, autrice della biografia recentemente pubblicata dal titolo “L’altalena rossa. Keyline e la sorprendente vita di una donna di fabbrica”, che si alterna con il marito Massimo Bianchi, rappresentante dell’ottava generazione della famiglia Bianchi, nella guida dell’azienda.
La visita alla Keyline si è rivelata un’occasione preziosa perché ci ha mostrato come valorizzare i dipendenti e lo spirito aziendale per assicurare un buon lavoro di squadra, insegnandoci a puntare sempre alla ricerca e allo sviluppo costante per ottenere risultati sempre più prodigiosi.

Powered by: Valeria NastiMarta BottariValentina Crifò Ceraolo, Giulia Bordignon

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Rispondi